Disgrafia

Prof. Roberto Carlo Russo
A cura del Prof. Roberto Carlo Russo
Neuropsichiatra infantile

Cos'è Cos'è

La Disgrafia è un disturbo esclusivamente del grafismo e non delle regole ortografiche e sintattiche, sebbene il disturbo esecutivo influisca negativamente anche su tali acquisizioni a causa della frequente impossibilità di rilettura e di autocorrezione (Pratelli, 1995). La scrittura è uno strumento di comunicazione scritta del lessico, tramite una serie di segni convenzionali specifici e riconoscibili che vengono appresi tramite due modalità: una spontanea per gli stimoli apportati dalle immagini delle insegne pubblicitarie, della stampa e della televisione; una istruita da parte delle scuola (Ferreiro e Teberosky, 1979).

La scrittura può essere realizzata da intenzionalità a genesi interna per realizzare un concetto o da genesi esterna su richiesta (es. un dettato o il riporto verbale di altri). Nel primo caso si verifica il passaggio dal semantico alla traduzione scritta; nel secondo casa viene richiesta la comprensione del suono, l’associazione al significato e la realizzazione grafica.

I processi necessari per la scrittura su consegna verbale necessitano di due competenze: la prima è l’analisi fonologica e relativa associazione semantica (via lessicale-semantica, necessaria per le parole conosciute) o l’analisi fonologica (via non lessicale-fonologica, necessaria per costruire parole prive di significato); l’altra competenza è la traduzione delle rappresentazioni fonemiche in programmi motori atti a realizzare i grafemi (Patterson, 1981). I primi consentono la comprensione della parola o della non parola e le relazioni grammaticali, i secondi la traduzione del fonema in grafema.

Sintomi Sintomi

È frequente la co-presenza dei due disturbi la Disortografia e la Disgrafia.

La disortografia è dovuta al mancato rispetto delle regole di trasformazione del linguaggio parlato in linguaggio scritto non imputabile a deficit motori, sensoriali o intellettivi. È un disturbo della associazione dei fonemi in simboli grafici (recupero dei patterns grafo-motori) che evidenzia errori sistemici quali: confusione tra fonemi simili (f-v, b-p, t-d, l-r), confusione tra grafemi simili, difficoltà a riconoscere grafemi simili (c-e, m-n, q-p, b-d), omissioni di una o più lettere nelle parole (albero in abero, fiore in fore, omissione di doppie) Inversioni della sequenza dei grafemi nelle parole (asinello in anisello, psiche in spiche)

La competenza ortografia può essere valutata dopo la fase di apprendimento che di norma è a fine della seconda elementare.

Abilità di base frequentemente compromesse:

  • Difficoltà evolutiva del linguaggio.
  • Problemi di percezione e discriminazione visiva e/o uditiva.
  • Problemi di organizzazione spazio-temporale.
  • Difficoltà di simbolizzazione grafica.
  • Problemi evolutivi del processo di lateralizzazione.

Per quanto riguarda la Disgrafia, in questa sede ci riferiamo alla disgrafia evolutiva nella quale si suppone che ci sia un fattore di predisposizione biologica favorente il disturbo. Non vengono prese in considerazione in questa trattazione le disgrafie acquisite dopo una normale competenza della scrittura a seguito di una lesione cerebrale. J. de Ajuriaguerra (1979) è stato un autorevole studioso della scrittura ed ha considerato la disgrafia un disagio che nasce, non soltanto in relazione alla comprensione dei segni grafici, ma anche alla difficoltà nell’eseguirli per carenze motorie o stati emotivi che coinvolgono l’intera personalità del fanciullo. Per Ajuriaguerra i gruppi di disgrafia sono 5 (1964):

  1. Gruppo dei molli. Scrittura irregolare piccola e larga, lettere variabili di dimensione e poco precise, predominano le curve, le parole appaiono danzanti sulla linea e il grafico si presenta ondulato.
  2. Gruppo dei rigidi. Si percepisce la tensione del tratto grafico, le lettere sono strette, alte e spesso stipate, il grafico è marcato e tende a pendere a destra, predomina l’aspetto angoloso, gli spazi tra le parole sono ridotti al minimo.
  3. Gruppo degli impulsivi. La scrittura è realizzata con velocità, male distribuita sulla riga, a volte fluttuante, finale delle parole prolungato, carente organizzazione spaziale, lettere di dimensioni irregolari, frequenti ritocchi.
  4. Gruppo dei maldestri. La scrittura è lenta e si presenta molto disordinata, spesso fluttuante, il tratto è variabile come pressione, le lettere variabili come dimensione, gli spazi irregolari.
  5. Gruppo dei lenti e precisi. La scrittura è precisa nella forma delle lettere, realizzata lentamente e spazialmente corretta, facile la presenza di piccoli tremolii.

A volte l’assegnazione ad uno di questi gruppi risulta incerta, ma più facilitata se si osserva il bambino durante l’esecuzione. Per la valutazione della scrittura si ritiene necessario quanto segue.

  • La posizione del corpo rispetto al tavolo.
  • Il tono muscolare del corpo, in particolare quello dell’arto e della mano.
  • L’impugno dello strumento.
  • La pressione sul foglio.
  • L’organizzazione spaziale dei grafemi nella parola, nel rigo e nella pagina.
  • La direzione del gesto grafico. La dimensione delle lettere e la loro costanza.
  • La forma dei grafemi.
  • Le modalità di unione delle lettere nelle parole.
  • Gli spazi tra le lettere e le parole.
  • La velocità di scrittura.
  • Il ritmo della scrittura.
dottore e dottoressa

Consulta la lista degli specialisti disponibili che si occupano di Disgrafia. Verifica gli specialisti vicino a te 

Diagnosi Diagnosi

Segnali importanti per la diagnosi sono:

  • Eccesso di pressione sul foglio.
  • Alterata distribuzione spaziale nel rigo e nella pagina.
  • Parole e righe fluttuanti.
  • Eccessiva lentezza.
  • Realizzazione veloce a discapito della precisione.
  • Scatti e interruzioni del tratto.
  • Variabilità della distanza tra le parole.
  • Tremori del tratto.
  • Morfologia alterata e variabilità dei grafemi.
  • Variabilità dei tratti di unione tra le lettere.
  • Ricalco di lettere.
  • Sovrapposizioni parziali di lettere.
  • Facile esaurimento dello scritto per crampi alla mano.

La valutazione della realizzazione grafica va fatta dopo la fase di apprendimento che di norma è a fine seconda elementare, ma può essere dedotta la futura difficoltà della scrittura anche dall’esame del disegno quando il bambino ha 4-5 anni.

Cure e Trattamenti Cure e Trattamenti

Intervento riabilitativo della disgrafia

Prima di procedere all’attività specifica per l’adeguato controllo grafico, sarà indispensabile accertarsi che non vi siano problemi nei seguenti ambiti:

  • competenze percettive
  • conoscenza dello schema corporeo 
  • competenze nell’uso selettivo delle dita 
  • organizzazione spazio-temporale 
  • processo di lateralizzazione 
  • informazione visiva 
  • coordinazione oculo-manuale.

In caso di problemi sui citati punti si dovrà procedere all’adeguato intervento riabilitativo specifico.

Intervento specifico per la scrittura

  • Attività a parete. Su un grande foglio (carta bianca da pacco cm. 150 x100 altezza) attaccato a parete in modo che la parte superiore del foglio corrisponda all’arto superiore esteso verso l’alto del bambino in piedi. Il foglio va posto in modo che il lato maggiore sia orizzontale. In questa attività sia per il grosso pennarello e sia per il pennello si permette al bambino l’impugno che sceglie, ma con la richiesta di mantenere la mano in asse con l’avambraccio per le prime sedute ed in seguito, quando ritenuto opportuno per un valido movimento della spalla, stimolare il movimento del polso.
  • Attività a parete di grandi movimenti finalizzati al movimento. Effettuare movimenti circolari orari e antiorari, verticali, orizzontali e oblique nelle varie direzioni usufruendo di un grosso pennarello. In questa attività viene richiesto l’uso prevalente della muscolatura della spalla e la concentrazione sul movimento e non sulla realizzazione grafica in quanto l’obiettivo è quello di ottenere un movimento fluido svincolato dalla diffusione della carica motoria alle restanti parti somatiche.
  • Attività a parete di grandi movimenti finalizzati alla traccia sul foglio. Effettuare movimenti circolari orari e antiorari, verticali, orizzontali e obliqui nelle varie direzioni usufruendo di un grosso pennarello che in fasi più evolute verrà sostituito da un pennello (circa cm. 1 e setola morbida) con tempere di diversi colori a libera scelta. In questa attività viene richiesta la concentrazione sulla traccia lasciata dal pennarello o dal pennello. L’obiettivo è quello del controllo del movimento in rapporto alla traccia sul foglio.
  • Attività a parete di grandi arabeschi o disegni. Effettuare arabeschi o disegni liberi con pennarelli con punta media di diversi colori. L’obiettivo è valorizzare la produzione di tipo artistico e le relative gratificazioni.
  • Attività a parete di segni circolari e non in varie direzioni. Effettuare segni circolari orari e antiorari del diametro di cm. 4-6 e segmenti di cm. 4-6 orientati in senso verticale, orizzontale e obliquo dal basso verso lato e dall’alto verso il basso nelle due direzioni.
  • Attività a parete di grafemi. Realizzazione dei grafemi (lettere e numeri) della grandezza di circa cm. 2, lettere in stampato maiuscolo e in sequenza corsivo minuscolo, rispettando la normale progressione esecutiva del grafema.
  • Attività a parete di bisillabe. Bisillabe varie in corsivo sempre dell’altezza di circa cm. 2.
  • Attività a tavolino. Importante il giusto rapporto tra piano del tavolo e sedia in modo che l’angolo tra braccio e avambraccio sia di 90°, che l’impugno dello strumento sia corretto (appoggio sul terzo dito, tenuta e governo dello strumento tra il primo e il secondo dito). Usare matita nera 2B.

Impugno corretto dello strumento grafico

  • Attività a tavolino di grandi arabeschi o disegni. Effettuare arabeschi o disegni liberi. L’obiettivo è di valorizzare la produzione di tipo artistico e di rinforzare la fiducia del sé in una attività che non richiede competenze scolastiche. Uso di pennarelli di vario colore con punta fine.
  • Attività a tavolino di tracciati. Ripetere tracciati curvilinei vari da modello con matita.
  • Attività a tavolino di percorsi. Eseguire tracciati permanendo all’interno di percorsi vari con matita.
  • Attività a tavolino di grafemi. Realizzazione dei grafemi (lettere e numeri) della grandezza di circa 1 cm lettere in stampato maiuscolo e in sequenza corsivo minuscolo rispettando la normale progressione esecutiva del grafema. Usare la matita.
  • Attività a tavolino di bisillabe. Bisillabe varie in corsivo dell’altezza di circa 1 cm in tracciato. Usare la matita.
  • Attività a tavolino di parole. Dettato di parole semplici su fogli con righe di prima. Usare la matita.
  • Attività a tavolino di frasi. Dettato di frasi su fogli con righe di prima. Usare la matita.
  • Attività a tavolino di frasi. Dettato di frasi su fogli con righe di seconda. Usare la matita.

In caso di mancinismo, al fine di permettere una postura adeguata, sarà necessario tenere il quaderno in orizzontale (o inclinato a 45°) e la parte alta direzionata a destra, in tal modo la postura della mano è in asse con l’avambraccio.

  Scopri gli Specialisti che si occupano di
Disgrafia vicino a te 

Prof. Roberto Carlo Russo
A cura del Prof. Roberto Carlo Russo
Neuropsichiatra infantile

Specialisti che si occupano di disgrafia

Scegli la provincia di tuo interesse e prenota gratuitamente una visita in pochi click.

oppure scegli una provincia

I tuoi Medici preferiti

Caricamento...
www.danabol-in.com

https://steroid.in.ua

Купить Виагра 130 мг