Categoria: Reumatologia

La Reumatologia è la branca della medicina interna che si occupa delle patologie che interessano l’apparato muscolo-scheletrico ed i tessuti connettivi dell’organismo. Le malattie reumatiche possono riguardare ossa, articolazioni e muscoli, ma anche organi interni quali cuore, cervello, polmoni, e anche vasi e nervi.
Circa l’1% della popolazione è colpito da tali patologie, in prevalenza donne. Circa le cause di molte patologie reumatiche si è orientati verso un conivolgimento di fattori genetici ed ambientali, combinati ad agenti infettivi. Il meccanismo potrebbe essere una predisposizione genetica del sistema immunitario (HLA) che, se stimolato da fattori ambientali (ad esempio microrganismi), potrebbe innescare una reazione infiammatoria anomala, rivolta verso strutture biologiche del medesimo organismo (autoimmunità), con la caratteristica dell’autoperpetuazione del fenomeno. Tutti gli organi e gli apparati possono essere colpiti dal processo infiammatorio nelle malattie autoimmuni. Se il coinvolgimento articolare è preponderante allora vengono denominate artriti (artrite reumatoide, artrite psoriasica e spondiliti) e i sintomi collegati sono soprattutto il dolore e la ridotta capacità funzionale. Nelle connettiviti sistemiche (Lupus Eritematoso Sistemico, Sindrome da anticorpi anti-fosfolipidi, Sindrome di Sjogren, Sclerodermia), gli anticorpi sono rivolti contro il proprio stesso organismo (autoimmunità).

Prenota un Reumatologo con Gotoorder

Sclerodermia: la sindrome delle mani viola

di Irene Reverberi,

In alcuni individui con il freddo o dopo forti emozioni le dita delle mani assumono un colorito bianco inizialmente, poi gradualmente rosso-violaceo fino ad un aspetto eritematoso; in medicina tale situazione si chiama morbo di Raynaud.  Vi parleremo di tale morbo partendo dalla sua definizione.

Continua

Cosa sono e come si manifestano le Coree

di Irene Reverberi,

In campo neurologico possiamo individuare due patologie, una di tipo benigno, l’altra di tipo maligno e si tratta rispettivamente della Corea di Sydenham e della Corea di Huntington.

Prendono il nome dal termine greco choreia o latino choréa che significa “danza corale”; non è un caso se, infatti, la corea di Sydenham è chiamata “ballo di S. Vito”. La corea reumatica o ballo di S. Vito è strettamente correlata a malattie reumatiche e ad una precedente infezione da streptococco eta emolitico di gruppo A. Il periodo di latenza può variare da 1 a 6 mesi mentre le manifestazioni cardiache, valvolari e renali insorgono dopo 1 o 3 settimane. Un terzo circa dei soggetti colpiti da Corea di Sydenham soffre di una valvolopatia cardiaca. il sesso femminile è quello più colpito e potrebbe partire già dall’età di 7 anni e nella fascia 7-12.

Continua

Dolore alle mani: le cause più comuni

di Irene Reverberi,

Un dolore alle mani o alla mano potrebbe essere stato causato semplicemente da un piccolo trauma. Se, però, non avete sbattuto, urtato o schiacciato la mano, il dolore può verosimilmente derivare da alcune patologie quali l’artrite o anche da un’infiammazione o infine alla precipitazione di cristalli di acido urico.

Nel caso in cui abbiate effettuato un intervento chirurgico, si potrebbe verificare la situazione in cui a soffrire siano entrambe le mani poiché l’anestesia può avere queste conseguenze.

Continua

Osteoartrite all’anca: cause, sintomi e cure

di Guido Cocozza,

Osteoartrite all'anca

L’osteoartrite all’anca è una patologia a carattere degenerativo che colpisce la cartilagine dell’articolazioni dell’anca procurando diversi problemi alla persona colpita.

Si tratta di una malattia degenerativa che interessa in particolar modo le persone anziane anche se i primi sintomi possono comparire intorno a 50 anni. In alcuni casi, quando sono già presenti alcuni fattori predisponenti, la patologia può insorgere anche in giovane età. Continua

Sindrome da fatica cronica: una malattia dall’alto costo sociale

di Barbara Maniscalco,

Un caso di sindrome da affaticamento cronica (o CFS) è definito dalla presenza delle seguenti condizioni: fatica cronica persistente per almeno sei mesi non alleviata dal riposo, che si esacerba con piccoli sforzi e che provoca una riduzione dei livelli precedenti delle attività occupazionali, sociali o personali.  Continua

Cosa fare se il tuo bambino ha problemi di defecazione involontaria?

di Irene Reverberi,

Con encoprèsi (en = in e kopros = feci) si definisce la defecazione involontaria nei vestiti o in sedi poco opportune. Può accadere 1 volta al mese per circa 3 mesi a bambini, che hanno superato o hanno compiuto almeno 4 anni. È più diffusa tra i maschietti che tra le femminucce: nel sesso maschile i casi sono 1 su 3, mentre, in quello femminile 1 su 5.

Continua

Osteoartrite al ginocchio

di Guido Cocozza,

Osteoartrite al ginocchio

L’osteoartrite al ginocchio è una lenta patologia degenerativa che colpisce la cartilagine del ginocchio che progressivamente si indurisce, diminuisce di spessore e perde di elasticità procurando fastidi e problematiche al corretto movimento delle articolazioni.

Questa patologia colpisce prevalentemente le persone anziane, a causa del logoramento naturale dei tessuti (osteoartrite primaria), ma può interessare anche le persone giovani a causa di un’usura precoce o di traumi subiti (osteoartrite secondaria). Continua

La connettivite autoimmune

di Guido Cocozza,

Le tipologie di connettivite autoimmune

Le connettiviti autoimmuni sono un insieme di patologie reumatiche autoimmuni sistemiche croniche che interessano principalmente il tessuto connettivo del nostro corpo.

Sono definite “autoimmuni” in quanto il sistema immunitario risponde in maniera errata ad alcuni stimoli ed inizia ad attaccare i tessuti e gli apparati dell’organismo stesso. Continua

Osteoartrite: prendiamoci cura delle cartilagini

di Guido Cocozza,

Osteoartrite: prendiamoci cura delle cartilagini

L’osteoartrite è una forma di artrite in cui vi è una degenerazione cronica della cartilagine alle estremità delle articolazioni.

Si tratta di una patologia molto comune soprattutto tra le persone anziane, gli sportivi che hanno effettuato attività agonistiche per lungo tempo, le persone che per lavoro hanno sottoposto le articolazioni a sforzi eccessivi e le donne. Continua

Fibromialgia: sintomi, cause e cure di una malattia complessa

di Giuliano Scavuzzo,

La Fibromialgia è una malattia molto complessa e altamente invalidante spesso difficile da diagnosticare. Si tratta di una patologia che colpisce i muscoli (l’etimologia della parola è la somma di Fibro che sono i “tessuti fibrosi” e Mialgia che significa “dolore”).

È quindi una malattia di tipo reumatico il cui dolore è il sintomo principale dovuto a una sorta di “tensione” muscolare che, in più, ha spesso gravi ripercussioni anche di tipo psicologico andando a sfociare nella depressione.

Sono circa due secoli che la Fibromialgia è conosciuta dalla scienza medica anche se i progressi, in realtà, si sono avuti soltanto nelle ultime decadi. Continua